English version


Index      Index
     
English version by:
Jason (Iacovino) Pierce,
New Jersey.
jason_pierce@yahoo.com


SITE MAP


LA STORIA DI MORRONE

INDICE STORIA

I Sanniti
I Romani
I Normanni
Cronologia storica
1303 Carlo II D'Angiò
I censimenti dal 1532
L'apprezzo del 1593
Avvenimenti
1614 Mons. Eustacchio
1734 Mons. Tria
Inchiesta Murattiana
Miscellanea
Archivio parrocchiale
I costumi
Le tradizioni
I pesi e le misure
I mercati e le fiere
La festa di San Giuseppe
Il territorio
Il tratturo
I cognomi e i soprannomi
I cognomi scomparsi
I maestri
Le persone famose
S. Maria in Casalpiano
Gli scavi di Casalpiano
Franco Valente spiega Caslpiano
Franco Valente: Casalpiano
Franco Valente: Araldica
Toponimo di Morrone
La chiesa Madre
I Feudatari di Morrone
L'Italia Meridionale
Vita rurale.
L'eremita di Morrone
Antiche preghiere
Quattro passi per Morrone
Panoramiche grandangolo
Ricettario morronese
Cartoline da Morrone
I portali e lavori in pietra
Vecchi oggetti morronesi
lettere d'oltreoceano
Montgomery a Morrone
 

Don Peppe di Stefania Pedrazzi

VARIE


Morrone visto da:
La poesia dialettale

 

MORRONE IERI E OGGI


Raccolta foto antiche
Raccolta foto recenti
Canzoni morronesi
foto inviate da Voi
Il terremoto a Morrone
Siti amici
La mia pagina
I Miaban
Il Giornale di Morrone

IL MOLISE E
REGIONI CONFINANTI


INDICE MOLISE

Il territorio del Molise
L'epoca Normanna
Le vie di comunicazione
Fortificazioni e insediamenti prenormanni
Sviluppo urbano: la chiesa
e il castello
I rapporti con la Chiesa
L'architettura Normanna
Opere fortificate e castelli
Il Molise e le crociate
Il Molise e l'Adriatico
Le opere fortificate oggi

INDICE ABRUZZO

LA CAMPANIA

 

IL SUD E L'UNITA'D' ITALIA

RICONOSCIMENTI



Scambio link

Screen saver di Morrone

©NOTIZIE SUL COPYRIGHT

 

Associazione culturale
Insieme per Morrone

B&B a Morrone

Case in affitto a Morrone

Case in vendita a Morrone

Cerco parenti a Morrone

HISTORY OF MORRONE

INDEX HISTORY

The Samnites
The Romans
The Normans
Historical chronology
The Charter of Carlo II d’Angiò
The Census of 1532
The appraisal of Morrone of 1593
Historical Events
1614 visit of Monsigor Eustacchio
1734 visit of Monsignor Tria
Luigi Cinelli
Miscellaneous
Parochial Archive
Customs
Traditions
Weights and Measures
Markets and Fairs
The Feast of San Giuseppe
The Territory
Migratory route for herds
Surnames and Nicknames
Vanished surnames
Experts and Masters from Morrone
Famous People
Santa Maria in Casalpiano
Franco Valente: Casalpiano
The Toponymy of Morrone
Rural Life
Panoramic photo
A stroll around Morrone
Old prayers
Morronese cookbook
Postcards from Morrone
The portals of house
Morronese crafts
 

VARIED PAGES


Poetri in morronese dialect
 

YESTERDAY AND TODAY


Old photo album
Current photo album
Photos from viewers of the site
Songs from Morrone
Earthquake from Morrone
My page
I Miaban
The Newspaper of Morrone
 

THE MOLISE


INDEX MOLISE

The Molise territory
Molise in the norman period
The road system
Pre-norman fortifications and settlements
Urban development: the church and the castle
Relations with the Church
Architecture in norman times
Fortifications and castles
Molise at the time of the crusades
Molise and the Adriatic
The fortifications today
 

The South and the Unification of Italy


AWARDS


The sceensaver morronese
 

i

Il comune informa
The town hall informs

 

comune.morrone@libero.it
www.morronedelsannio.eu



Notizie da Morrone. A cura di: Mariassunta Faccone & Valentina Saltarelli


Forum


Chat


Meteo


Libro ospiti


Localizzazione dei visitatori



info@morrone.com
Webmaster & Admin Site:
Giuseppe Buonviaggio

Licenza Creative Commons
 Questa opera è distribuita con
 
licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 2.5 Italia.
Permessi:
info@morrone.com





Notizie da Morrone.
A cura dei ragazzi del forum


English version

Che cosa ha a che fare Morrone con Halloween?

La storia di Halloween

 

Il 1° novembre, giorno del culto della notte e dei morti si è cristianizzato per celebrare l'immortalità delle anime dei trapassati.

Nell'anno 835, il papa Gregorio IV ne fa la festa di "Ognissanti". Questa festa è obbligatoria, ed è celebrata in onore di tutti i santi che sono stati canonizzati, cioè di coloro che sono stati resi degni dopo la loro morte di essere onorati attraverso un culto particolare. Questa pratica risale al IX secolo.

Il paganesimo primitivo ha lasciato tracce in numerose feste e culti. Malgrado i divieti dei concili e gli sforzi delle autorità cristiane i primi secoli sono trascorsi invano di fronte alle tenaci tradizioni. E' così che si ritrova in un documento datato 802, un'ammonizione di Carlo Magno, nel quale si lamenta che si venerano alberi, rocce, fontane e che si interrogano streghe ed indovini! Dodici secoli sono passati e il suo rammarico rimane fondato.

La chiesa ha, in numerosi casi, sovrapposto una interpretazione cristiana ad una pratica di origine pagana. Le superstizioni si perpetuano, i santi "topici" (*) hanno ereditato la clientela delle divinità celtiche e gallo-romane.

Quale rapporto c'è con HALLOWEEN ?

Semplicemente, perché il termine inglese "HALLOWEEN" è di origine medioevale dove si ritrova sottoforma di "All Hallows" (= tutti i santi) per diventare, in seguito, "All Hallows Even" et "Halloween" ( vigilia di Ognissanti). Una vigilia è una lunga veglia che precede una grande festa religiosa. Ecco perché il 31 ottobre è celebrata naturalmente il 1° novembre, festa di "Ognissanti".

Nondimeno questa vigilia che originalmente sembra essere "santa", entra in contatto con un'altra festa pagana, che è il festival celtico data alla fine dell'estate, chiamata "Samhain". Questa festività sottolinea una delle due principali stagioni dell'anno celtico. Delle lontane origini "Halloween" ha conservato diverse sfaccettature, alcune più esaltate delle altre.

Questo festival del "Samhain" era legato al ritorno dei gregge dai pascoli, o alle raccolte. La sua importanza è sottolineata dal rinnovamento delle leggi celtiche, del baglio territoriale, con il ravvivare del fuoco per l'anno avvenire, attraverso la pratica delle divinazioni che prevedeva la visita delle anime morte in questo giorno nelle case dei vivi.

Questa celebrazione commemora anche l'entrata nell'altra metà dell'anno, la più tenebrosa, la più sterile e la meno produttiva.

Questo festino d'autunno portava dei significati sinistri con i fantasmi, le streghe, i folletti, gli spiriti, le fate, i demoni, ed ogni sorta di esseri vaganti strani. Particolari mascherate erano riservate alla festa del "Samhain" che rappresentavano ogni sorta di esseri malefici che i Celti temevano ed ai quali offrivano doni.

Così i raccolti e le mandrie erano protette contro le influenze demoniache diffuse in quel periodo dell'anno. Era il momento di placare le potenze soprannaturali che controllavano il corso della natura. A questo proposito il sacrificio dei bambini primogeniti fatta alla grande pietra di Crom Cruach, che calma le potenze del mondo inferiore.

La festa del "Samhain" celebrata anch'essa il 31 ottobre era il solo giorno in cui, se non si era potuto avere l'aiuto di Dio, si poteva invocare protezione dei demoni e delle potenze malefiche, con l'offerta di un tributo, per i matrimoni, la fortuna, la salute e la morte.

Conoscete le streghe e il loro grande paiolo? Ebbene, sotto la sorveglianza del druido, era anche la festa della classe guerriera, durante la quale poteva avere luogo la scena del paiolo.

Una targa sul paiolo di Gundestrup mostra un uomo, più grande degli altri, che immerge un uomo in una tinozza in presenza di guerrieri armati. Sacrificio di un prigioniero attraverso annegamento, o resurrezione di un guerriero attraverso l'immersione in un paiolo? D'altronde tutte le fonti scritte parlano di donne con capelli grigi che conducono prigionieri di guerra ad un paiolo di 1400 litri circa, dove portavano una scale dalla quale tagliavano la gola ai prigionieri. Del sangue colava nel paiolo dal quale tiravano i loro presagi. Sicuramente la grandezza del paiolo sembra inverosimile, però la tradizione irlandese ricorda che il nome del Concholar, Aradach, che vuol dire "colui che è munito di scale".

Da una generazione all'altra, è così che "Halloween" è stata considerata come l'opportunità più favorevole per le arti divinatorie dei Celti, poiché era una veglia in cui si invocavano i morti. Le arti divinatorie erano diverse a secondo delle zone della Bretagna. La maggior parte dei numerali di divinazione di "Halloween" nei confronti delle mele, in origine con significato sacro e simbolico, sono diventate dei giochi per i bambini.

Nel nord dell'Inghilterra, il 31 ottobre è osservato come la "notte della malvagità" e contrassegnato da scherzi agghiaccianti. Gli emigrati negli Stati Uniti, in particolare, gli Irlandesi, hanno introdotto i costumi profani che sono divenuti popolari verso la fine del XIX secolo.

Delle mosse maligne in queste occasioni erano fatte da bambini e da giovani. Questi intrighi hanno avuto una tale diffusione e con tale cattiveria che si arrivava fino ad abbattere i fienili e le rimesse, rompere finestre e danneggiare severamente le proprietà. Qualche anno dopo, furono proprio i bambini ad osservare maggiormente la festa, mascherati per non essere riconosciuti. Andavano di casa in casa dicendo "trick or treat", cioè "ti faccio un maleficio, ti faccio un sortilegio, o mi dai qualcosa".

Il simbolismo comune di Halloween, “Jack-o-lantern”, è una zucca svuotata e tagliata come una faccia malvagia con una candela interna. Bisogna ricordare che i Celti erano cacciatori di teste? Tagliavano la testa ai loro nemici, la conservavano in seguito in modi diversi. Alle teste dei morti, si sarebbero sostituite delle rape svuotate, simbolo del mondo sotterraneo riunito per l'occasione al mondo dei vivi. Gli Irlandesi americani hanno poco a poco sostituito la rapa con la zucca. Ma non avevano dimenticato la loro leggenda che vuole che Jack, che non poteva andare né in cielo né all'inferno, aveva ricevuto, da parte del diavolo, un tizzone della sua fornace per metterlo nella rapa scavata per poter illuminare la strada, visto che andava errante sulla terra.

Ai giorni nostri, che c'è di male in un'usanza, detta oggi folkloristica, festa in cui i bambini si mascherano gentilmente per reclamare delle caramelle di casa in casa? E' ciò che ci vorrebbero far credere, ma dietro c'è tutt'altro.

Noi stiamo dando ai nostri giovani il gusto di una festa morbosa. La si camuffa sotto costumi carini di bambole, fate, piccoli leoni, che in base all'età del bambino prendono poi l'aspetto sempre più macabro e sanguinante. Basta guardare i costumi presentati dai negozianti e tutte le pubblicità malsane fatte intorno a questa festa per constatare che non ha perso il suo potere demenziale. Sacrificheremmo i nostri figli a degli dei moderni, quali la pubblicità e il commercio?

Non dimentichiamo che una data abitudine diventa un'attitudine, e finisce per essere un carattere di un individuo. Non possiamo ignorare nelle nostre zone la rinascita del misticismo, del gusto dell'esoterico, della cartomanzia e dello spiritismo che prolifera sempre più.

Attualmente, Halloween, secondo i sondaggi dell'anno passato, sta diventando una festa così importante da sorpassare la festa di Natale nel cuore dei bambini. Perché?

La domanda non risiede semplicemente nella festa macabra alla quale i genitori accordano troppa importanza. Bisogna anche sapere quali valori vogliamo passare ai nostri giovani e come vogliamo trasmetterli.

Un popolo che non vede oltre le azioni del suo presente è un popolo che muore.
 

(*) topici: di cui i fenomeni psichici e i caratteri diventano simili alle divinità che sostituiscono

Articolo inserito da Giuseppe.

 

Indice News
 

Ci hanno lasciato.
Fiocchi azzurri e rosa
Omaggio ad un poeta
L'Oratorio, 18 agosto2004.
La scuola,13 settembre2004.
La Chiesa della Maddalena.
10 ottobre, festa dell'uva.
31 Ottobre, Halloween.
8 Gennaio 2005, a teatro.
La neve.

Risciocca.
Agosto 2005.
Foto 2005

Settembre Ottobre 2005.
Un altro Morrone.
Lavori in corso.
San Giuseppe 2006
Prima domenica di Maggio
Insediamento nuovo sindaco
Il turismo culturale
estate 2006
Sfilata abiti da sposa
1 ottobre 2006
festa dell'uva
La farchia
San Giuseppe 2007
Scossa sismica il 18/10/2007
Capodanno 2008
Lettera di un cittadino

 

 

© 2011 www.morronedelsannio.com - Tutti i diritti riservati.
webmaster@morrone.com