Questo sito
non usa cookie
copyright          Privacy


English version


Index      Index
     
English version by:
Jason (Iacovino) Pierce,
New Jersey.
jason_pierce@yahoo.com


SITE MAP


LA STORIA DI MORRONE



I Sanniti
I Romani
I Normanni
Cronologia storica
1303 Carlo II D'Angi
I censimenti dal 1532
L'apprezzo del 1593
Avvenimenti
1614 Mons. Eustacchio
1734 Mons. Tria
Inchiesta Murattiana
Miscellanea
Archivio parrocchiale
I costumi
Le tradizioni
I pesi e le misure
I mercati e le fiere
La festa di San Giuseppe
Il territorio
Il tratturo
I cognomi e i soprannomi
I cognomi scomparsi
I maestri
Le persone famose
S. Maria in Casalpiano
Gli scavi di Casalpiano
Franco Valente: Casalpiano
Franco Valente: Araldica
Toponimo di Morrone
La chiesa Madre
I Feudatari di Morrone
L'Italia Meridionale
Vita rurale.
L'eremita di Morrone
Antiche preghiere
Quattro passi per Morrone
Panoramiche grandangolo
Ricettario morronese
Cartoline da Morrone
I portali e lavori in pietra
Vecchi oggetti morronesi
lettere d'oltreoceano
Montgomery a Morrone
Don Peppe- Stefania Pedrazzi
 

VARIE


Morrone visto da:
La poesia dialettale

 

MORRONE IERI E OGGI


Raccolta foto antiche
Raccolta foto recenti
Canzoni morronesi
foto inviate da Voi
Il terremoto a Morrone
Siti amici
La mia pagina
I Miaban
Il Giornale di Morrone

IL MOLISE E
REGIONI CONFINANTI


INDICE MOLISE

Il territorio del Molise
L'epoca Normanna
Le vie di comunicazione
Fortificazioni e insediamenti prenormanni
Sviluppo urbano: la chiesa
e il castello
I rapporti con la Chiesa
L'architettura Normanna
Opere fortificate e castelli
Il Molise e le crociate
Il Molise e l'Adriatico
Le opere fortificate oggi

INDICE ABRUZZO

LA CAMPANIA

 

IL SUD E L'UNITA'D' ITALIA

RICONOSCIMENTI



Scambio link

Screen saver di Morrone

NOTIZIE SUL COPYRIGHT

 

Case in affitto a Morrone

 

Cerco parenti a Morrone

HISTORY OF MORRONE



The Samnites
The Romans
The Normans
Historical chronology
The Charter of Carlo II dAngi
The Census of 1532
The appraisal of Morrone of 1593
Historical Events
1614 visit of Monsigor Eustacchio
1734 visit of Monsignor Tria
Luigi Cinelli
Miscellaneous
Parochial Archive
Customs
Traditions
Weights and Measures
Markets and Fairs
The Feast of San Giuseppe
The Territory
Migratory route for herds
Surnames and Nicknames
Vanished surnames
Experts and Masters from Morrone
Famous People
Santa Maria in Casalpiano
Franco Valente: Casalpiano
The Toponymy of Morrone
Rural Life
Panoramic photo
A stroll around Morrone
Old prayers
Morronese cookbook
Postcards from Morrone
The portals of house
Morronese crafts
 

VARIED PAGES


Poetri in morronese dialect
 

YESTERDAY AND TODAY


Old photo album
Current photo album
Photos from viewers of the site
Songs from Morrone
Earthquake from Morrone
My page
I Miaban
The Newspaper of Morrone
 

THE MOLISE


INDEX MOLISE

The Molise territory
Molise in the norman period
The road system
Pre-norman fortifications and settlements
Urban development: the church and the castle
Relations with the Church
Architecture in norman times
Fortifications and castles
Molise at the time of the crusades
Molise and the Adriatic
The fortifications today
 

The South and the Unification of Italy


AWARDS


The sceensaver morronese
 

i

Il comune informa
The town hall informs

 

comune.morrone@libero.it
www.morronedelsannio.eu



Notizie da Morrone. A cura di: Mariassunta Faccone & Valentina Saltarelli


Libro ospiti


info@morrone.com
Webmaster & Admin Site:
Giuseppe Buonviaggio

 





Notizie da Morrone.
A cura dei ragazzi del forum


English version

Omaggio a Donato Di Luca.

Era un tardo pomeriggio di fine settembre, tornato da poco da Morrone, avevo in testa una frase sentita durante la presentazione del libro "capemmond e capebball": crije si dice solo a Morrone!
Sar vero? Facile accertarsene, piccola ricerca in internet ed ecco, trovato,stessa parola usata in Piemonte, ma il significato diverso.
Continua la ricerca e alla fine trovo la parola nel sito di Borrello, paesino del Chietino, al confine col Molise, poco pi a nord di Agnone.
Questa volta ci siamo, stesso significato, "crije", cio nulla.
Comincio a leggere e pi vado avanti e pi mi accorgo di quanto simili siano i nostri dialetti.
Pi vado avanti e pi mi accorgo dell'impatto emotivo della prosa di Donato di luca , tanto che alla fine della pagina tanto il desiderio di parlare con l'autore che mi trovo a consultare su internet le pagine bianche per trovare il numero telefonico.
Vive a Rimini, compongo il numero e all'altro capo risponde la figlia.
Mi pu passare il signor Donato?
Chi lo vuole? Breve spiegazione del perch della telefonata e inizio a parlare col signor Donato.
Ci tratteniamo al telefono per quasi mezz'ora e confrontiamo i nostri dialetti, le parole non pi in uso, i modi di dire e conveniamo che davvero ci sono molte somiglianze.
Mi dice anche che porterebbe volentieri questo spettacolo a Morrone chiedendo il solo rimborso delle spese.
Poi penso a Morrone e a come accoglierebbero uno spettacolo di questo tipo, mi viene in mente una vecchia frase sentita a Morrone.
Non credo sia il caso sa... al mio paese sono ancora "pane e terra" e ci salutiamo col proposito di risentirci o magari visto la vicinanza, Rimini a novanta chilometri da Ancona, di vederci di persona e continuare a parlare del dialetto morronese e del suo di Borrello.

Altre informazioni: http://www.borrellosite.com/

PLANCTUS MARIAE
 


locandina composta da Simona Spagnuolo in occasione della prima rappresentazione
- Borrello 19.8.2002 -

Il monologo, come una sonata, consta di quattro movimenti non indipendenti, ma concepiti in modo che ognuno dipenda e prenda giustificazione dall'altro. In questo modo i movimenti conducono attraverso il dolore, la disperazione, il ripiegamento sulla propria vicenda, per giungere alla consapevolezza finale: nel tentativo di rispondere a questa domanda: ma Maria, come donna concreta e madre di un figlio brutalmente assassinato, pu non aver sofferto e imprecato? possibile che abbia immediatamente capito ed accettato senza accusare tutto e tutti della crudelt verso il proprio figlio? Pu essere minimamente controllato il dolore di una madre quando vede il proprio figlio soffrire e morire?
Una ispirazione ideale lo riconduce al celebre "Donna de Paradiso" di Jacopone da Todi, e il primo movimento, quello intitolato "Figlio Vituperato", ne quasi una citazione.
Il secondo movimento "Ah Padre Eterno!" quello pi forte, pi duro e quasi biasfemo, a stare alla lettera. Ma mi pare di avere ben chiarito nel testo che Maria consapevole di quel che sta accadendo e anche del perch accada. Infatti, ella rimprovera al Padre che abbia potuto sacrifica-re suo figlio ad un progetto, sia pure di salvezza, sia pure di supremo amore: non che non condivida ma la carne ci si ribella. Allo stesso modo, mi pare, suo Figlio, prima suda sangue e poi, bench abbia proclamato "...tuttavia non la mia, ma la Tua volont...", non per questo potr evitare, in un altro momento di suprema disperazione, l'incredibile invettiva "...perch mi hai abbandonato..."! Ecco: direi che il "Padre svergognato" che risuona cos scandalosamente nel secondo movimento alluda a questa invettiva.
Il terzo movimento, intitolato "Che abisso d'amore...", gi ci mostra una donna pi consapevole, che ripercorre la sua vita e il suo destino, per riaffermare che li ha accettati e vissuti per amore: non solo del figlio che sarebbe nato, ma per tutti gli altri figli e per tutte le altre madri.
Il quarto movimento, poi, "Misera me", mi sembra che risolva tutta la vicenda nel modo dovuto: e comunque questa era l'intenzione, tant' vero che esso trae ispirazione dal celebre "O vos omnes qui transitis per viam, attendite, et videte, si est dolor sicut dolor meus" che, se non erro, ritorna a pi riprese in qualche messa dedicata alla Madonna.

L'Autore

"Fije sbedeprate"

"Figlio vituperato"

Ah fije sbedeprate
ah fije sverberjete
ah fije scunecchjete
ah fije spatacciate.
Ah frute de le core
fruta cucente e larje
fruta che nen'z'archiute.
Fije m streppejete...
Fije m, le pedate
c' date chiste piete
Fije m quanta cocce
ste miene 'carezzate
Fije, quanta parole
chesta vocche parlate
Fije m sbedeprate
ah fije sverberjete
ah fije scunecchjete
ah fije spatacciate
Fije sgrafenejete
uocchie che ne me vte
recchie che ne me sente
core m gn na prte:
che le sanghe n'ce cante.
Me vuoije appiccich
a ste piette, a ste miene,
a sta fronte graschiete
gn na cozze a la prte de le mare: 
vuoije arsiste a la miene
che me tire da te
gn la cozze a le mare.
Me vuoije arvent te,
Fije m spapanate,
carna m adacciate,
vedlle m 'nzacrite.
Uocchie che ne me vte,
uocchie senza chi luce,
uocchie che ne strellampe,
uocchie che nen z'abbambe;
vocche che ne me dice
vocche che ne me vasce...
Vocche che ne me vasce
vocche che ne me dice.
Lnghe c' cummannate
A le viente e le mare
lenga m, c' zittite
peffine le diavre.
Lenghe che si parlate
lenghe c' cummannate...
Mo' me te s zittite
mo' me te s 'ngarzate.
Dimme, dimme coccose
dimme "nen z capte? ..."
Dimme "che te ne 'ntriche? ..."
Dimme "cchete fijete..."
Dimme "tu s la mamme..."
Dimme...

Ne dice crije?


Fije m senza lenghe
Fije m senza rcchie
Fije che nen me sente
Fije che nen m'ascolte
Fije m sbedeprate
Fije m scunecchiete
Fije m sverberijete
Fije m spatacciate.
Core de mamme 'mbussate.

 

Ah, figlio vituperato
ah, figlio bastonato
ah, figlio sconocchiato
ah, figlio squartato.
Ah, ferita del mio cuore
ferita bruciante e ampia
ferita che non si rimargina.
Figlio mio storpiato...
figlio mio, quanti passi
han dato questi piedi
figlio, quante teste
queste mani hanno accarezzato
figlio, quante parole
ha pronunciato questa bocca.
Figlio vituperato
figlio bastonato
figlio sconocchiato
figlio squartato
figlio sgraffiato
occhi che non mi vedono
orecchie che non mi sentono
cuore come un sasso
in cui non canta il sangue.
Voglio attaccarmi
a questo petto, a queste mani,
a questa fronte graffiata
come una cozza allo scoglio:
voglio resistere alla mano
che mi stacca da te,
come la cozza al mare.
Voglio diventare te,
figlio mio sfiorito,
carne mia spezzettata,
mio intestino inasprito.
Occhi che non mi vedono,
occhi senza pi luce,
occhi che non barbagliano,
occhi che non s'infiammano;
bocca che non mi parla
bocca che non mi bacia...
Bocca che non mi bacia
bocca che non mi parla.
Lingua che ha comandato
al vento e al mare
mia lingua, che hai zittito
perfino il demonio.
Lingua che hai parlato
lingua che hai comandato...
Ora taci
ora sembri immobilizzata.
Dimmi, dimmi qualcosa
dimmi: "Non hai capito?..."
Dimmi "che t'importa?..."
Dimmi "Ecco tuo figlio..."
Dimmi "Tu sei la madre..."
Dimmi...

 non dici nulla?


Figlio mio senza lingua
figlio mio senza orecchie
figlio che non mi senti
figlio che non mi ascolti
figlio mio vituperato
figlio mio sconocchiato
figlio mio bastonato
figlio mio squartato.
Cuore di madre sepolto.

                          
  Donato Di Luca
 

 

Indice News
 

Ci hanno lasciato.
Fiocchi azzurri e rosa
Omaggio ad un poeta
L'Oratorio, 18 agosto2004.
La scuola,13 settembre2004.
La Chiesa della Maddalena.
10 ottobre, festa dell'uva.
31 Ottobre, Halloween.
8 Gennaio 2005, a teatro.
La neve.

Risciocca.
Agosto 2005.
Foto 2005

Settembre Ottobre 2005.
Un altro Morrone.
Lavori in corso.
San Giuseppe 2006
Prima domenica di Maggio
Insediamento nuovo sindaco
Il turismo culturale
estate 2006
Sfilata abiti da sposa
1 ottobre 2006
festa dell'uva
La farchia
San Giuseppe 2007
Scossa sismica il 18/10/2007
Capodanno 2008
Lettera di un cittadino

 

 

2011 www.morronedelsannio.com - Tutti i diritti riservati.
webmaster@morrone.com